Un viaggio sarà l’inizio del cambiamento che cercavi

Sognare un viaggio scomfortzone murales barrio barranco lima Perù

Spesso la vita di tutti i giorni ci sta stretta. Ci sentiamo fuori posto, caduti dentro a situazioni che avevamo immaginato in un modo, per poi accorgerci che non sono come pensavamo.

Questo però non lo diamo di certo a vedere. La nostra vita ci sta stretta ma noi non lo diamo a vedere. In genere si capisce dalle risposte al “Come stai?“. “Ma si dai, tutto bene” (per fortuna che non è abitudine chiedere “Sei felice?“).
Non lo diamo a vedere perchè sappiamo che le persone che stanno male sono altre. Che tutto sommato siamo fortunati e dovremmo esserne grati.

Così facendo rimaniamo al nostro posto, credendo magari di essere gli unici a sentirci così e quindi nutrendo anche un pizzico di imbarazzo.
Invece è assolutamente la normalità. In una vita che va a mille all’ora è facilissimo scivolare.

Scivolare in situazioni che non ci appartengono. Tutto va talmente veloce che non ci concediamo neppure il tempo di pensare. Tutto va talmente veloce che ci convinciamo di non avere la possibilità di provare. E quindi rimaniamo lì, buoni al nostro posto.

Ovviamente finchè non scoppiamo.

PENSA AL VIAGGIO COME A UN’OPPORTUNITA’

– NON AVERE FRETTA –

Commettiamo spesso l’errore di volere tutto subito, specialmente le risposte. Ma poi ci rendiamo conto che la vita è un cammino e come ogni trekking che si rispetti ci sono prima varie tappe.
Noi dobbiamo solo metterci il fiato e la voglia di continuare.

Fare un viaggio è una scelta che potrebbe compiere un’importante accelerata nel tuo cammino. Non importa dove. Scegliamo spesso le destinazioni per qualche dettaglio, saprai già dove voler andare.
Il consiglio che ti dò è solo quello di non avere fretta.

Idealizza la tua meta ma soprattutto pensa cosa vuoi raggiungere.

Io credo di aver scelto il Sudamerica per la comunicazione. Cercavo il modo di socializzare in altri contesti, di presentarmi come quello sconosciuto venuto da lontano, che poteva comportarsi ogni volta in modo diverso. Cercavo di respirare la libertà in viaggio, per poi capire che la vera libertà ha bisogno di regole.

Scelsi invece di viaggiare tre mesi in Europa per mettermi alla prova.

Come nei videogame anni’90 quando raggiungevi l’ultimo schema di ogni livello e ti ritrovavi un mostro gigante da affrontare. A viaggiare ero già capace, lo sapevo. O meglio a spostarmi lontano ero capace. Volevo che il viaggio diventasse vivere e condividere tempo con le persone del posto.

Quale sarà l’obiettivo del tuo prossimo viaggio?

– CERCA LA TUA MODALITA’ –

Non esistono soluzioni lampo e neppure adatte a tutti. E’ nel quotidiano la vera sfida, è vero, nell’essere se stessi anche in situazioni che ci stanno strette.

Se continuiamo a stare dentro al problema, però, non vedremo altro che il problema.
A volte è solo necessario prendere per un attimo le distanze.

Guardarci da un’altra angolazione.

La conoscenza è da sempre una delle armi più potenti presenti su questa terra. Conoscerci in altre situazioni sarà allora un modo per capirci qualcosa di più.

I primi giorni in Colombia mangiavo nei ristorantini lungo la strada. Sale, zucchero e salse da condimento sono servite in vaschette al centro del tavolo da cui tutti si servono. Non avevo mai fatto caso che da noi ci sono praticamente ovunque le monoporzioni.
Mi stavo guardando da un’altra angolazione e stavo scoprendo di essere diventato un occidentale piuttosto “imborghesito”. Allora mi dissi: “Caro Mattia, hai deciso di vivere un’esperienza forte dall’altra parte del Mondo? Allora cambia il tuo modo di vedere le cose“.

Da quel momento iniziò la mia sfida.

Abbandonare i freni mentali che in trent’anni avevo collezionato con una certa cura, per abbandonarmi alle novità. Non giudicare chi mi stava di fronte, ma mettermi al suo lato e cercare di vedere la vita da un nuovo punto di vista.

– PENSA A UN VIAGGIO –

Concederti un viaggio, magari da solo, sarà l’opportunità che cercavi ma che non conoscevi.

Facile scappare dalle situazioni” è una delle frasi più presenti nel lessico di chi non ha mai viaggiato. “Che senso avrà girare senza un obbiettivo“, continueranno.

Sarete invece consapevoli che vi state riservando un tempo importante attraverso il viaggio. Molti vanno in vacanza per “staccare la spina” da un quotidiano caotico e complicato, altri viaggiano per avere l’opportunità di scoprirsi.

Il viaggio è un processo che vi permette di “ritrovarvi” perchè vi lascia senza qualcosa dietro a cui nascondervi, vi tira fuori dal regno delle reazioni automatiche e dalle ottuse comodità costringendovi a vivere il presente. Qui, nell’attimo fuggente, non vi resta che confrontarvi con il vostro io più nudo e vero. 

(Rolf Potts – Vagabonding)

Sogna un viaggio e inizia a costruirlo, sarà l’occasione che cercavi per iniziare a cambiare la tua vita.

Hai già tutto il necessario, dentro di te.

Se manca qualcosa, ora vallo a prendere!

Rispondi